Attualità

Don Attilio Nostro ordinato Vescovo. Sarà lui a guidare la Diocesi di Mileto Nicotera Tropea (foto e video)

Il nuovo vescovo entrerà ufficialmente alla guida della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea il prossimo 2 ottobre.

Con la cerimonia tenutasi nella basilica di San Giovanni in Laterano, don Attilio Nostro, finora parroco a Roma, è stato ordinato Vescovo e scelto da Papa Francesco come nuovo vescovo della diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea.

Attilio Nostro, 55 anni originario di Palmi, è ora a tutti gli effetti un vescovo e potrà guidare la Diocesi vibonese. La liturgia della funzione è stata animata dal coro della diocesi di Roma.

A presiedere la celebrazione eucaristica, il cardinale vicario di Papa Francesco Angelo De Donatis, affiancato dall’arcivescovo metropolita di Reggio Calabria-Bova Fortunato Morrone, dall’arcivescovo di Camerino-San Severino Marche e vescovo di Fabriano-Matelica Francesco Massara, dal vescovo di Locri-Gerace Francesco Oliva (dal luglio scorso amministratore apostolico della diocesi miletese) e da numerosi altri vescovi provenienti da varie regioni d’Italia.

«Carissimo don Attilio – ha affermato il cardinale De Donatis nella sua omelia –  questa sera c’è la tua comunità madre, la chiesa di Roma, ma anche diversi figli di questa sposa che andrai ad amare e a servire. Dio ha manifestato la sua volontà e ti ha scelto per essere ad immagine di lui: buon pastore al servizio del suo popolo.

Alla sacra funzione ha partecipato una folta rappresentanza di clero, fedeli e autorità civili della sua prossima diocesitra cui il sindaco di Mileto Salvatore Fortunato Giordano presente con la fascia tricolore. 

Nel suo discorso, mons. Nostro si è rivolto ai suoi fedeli: “Aiutatemi a diventare quel figliol prodigo ritrovato che va incontro al padre misericordioso. Quell’abbraccio del padre è quello del ritorno a casa. E quel ritorno a casa è il ritorno in Calabria, a quella terra che mi ha generato”.

Poi, nel discorso che ha tenuto alla fine della celebrazione, presieduta dal cardinale vicario Angelo De Donatis, mons. Nostro ha parlato del suo desiderio di vedere Gino Bartali verso la beatificazione, cominciando dal riconoscimento delle virtù eroiche: “San Mattia – ha detto riferendosi alla sua parrocchia romana di provenienza – ha dentro di sé un desiderio ancora incompiuto che ho espresso già al Santo Padre quattro anni fa, di vedere riconosciute le virtù eroiche di Gino Bartali a cui noi abbiamo dedicato l’oratorio.
“Mi piace il ciclismo, sappiatelo”, ha concluso rivolgendosi ai fedeli della sua diocesi.

Il nuovo vescovo entrerà ufficialmente alla guida della Diocesi di Mileto-Nicotera-Tropea il prossimo 2 ottobre.