Eventi

“La Barcunata” celebra i suoi primi 25 anni

Festeggia il quarto di secolo il periodico di San Nicola da Crissa

La rivista nel rispetto dei protocolli anti Covid-19, ha celebrato il quarto di secolo con un incontro nel quale è stato presentato il nuovo numero della rivista. Tanti sannicolesi e dei paesi vicini si sono radunati in piazza Marconi, dove la serata presentata dall’antropologo Pino Cinquegrana ha registrato la commemorazione di don Domenico Bellissimo, il don Bosco del Sud, natio del centro della Valle dell’Angitola e parroco di Giffone nel reggino, con la redazione che ha consegnato al nipote Filippo Forte un riconoscimento.

Un momento della serata a San Nicola da Crissa

Più di chiunque altro all’iniziativa sono mancati gli emigrati, in particolare quelli che vivono a Toronto, con il presidente del Club Sannicolese Joe Garisto che ha mandato un messaggio di auguri e di speranze per un presto arrivederci. Per l’occasione è stato premiato il collaboratore Nicola Cina, il punto di riferimento de La Barcunata in Canada, con l’attestato che sarà inviato. Sulla storia dei 25 anni è intervenuto l’editore Bruno Congiustì, il quale ha voluto ringraziare i 150 collaboratori che hanno pubblicato almeno un articolo sulla rivista che fino all’agosto del 2018 era diretta da Michele Sgrò, al quale La Barcunata sarà sempre riconoscente per il lavoro svolto tanto da consegnare una targa ricordo ritirata dalle sorelle Santina e Stella. La rivista della Valle dell’Angitola guarda molto alle iniziative sociali e culturali, per questo durante la serata è stato presentato agli ospiti il video di Pasquale Ficchì e Antonio Pileggi “Conto alla rovescia”.

Nella serata è stata data lettura dei messaggi di auguri provenienti da tutto il mondo, da Toronto passando per Boston, Philadelphia, Avana, Melbourne e Roma, con le associazioni e le comunità che hanno voluto essere presenti all’iniziativa. Nei messaggi pervenuti alla rivista c’erano anche quelli del senatore ed ex sindaco di Roma Nicola Signorello, Giovanna Marchese, del consigliere per le politiche sull’emigrazione e i rapporti con gli italiani nel mondo Eugenio Marino, del dottor Pasquale Nestico, Vince Daniele, il Mire (Movimento Italiani all’estero) con il presidente Enzo Odoguardi, la fondazione “Dove” degli italiani nel mondo, del dottor Vito Mannacio del policlinico Federico II di Napoli, Club Vallelonga-Monserrato e Maierato di Toronto, la Miguel d’Estefano Pisani e Franco Mafrici ex allievo di don Bellissimo prima di partire per il Canada.

Tra gli intervenuti l’ex sindaco Pasquale Fera, la maestra di cucina Sara Papa e in rappresentanza della Consulta delle associazioni Valle dell’Angitola don Vincenzo Barbieri. L’iniziativa si è conclusa con la seconda edizioni di Crissa storia, il video fotografico realizzato dalla webtv dei Calabresi nel mondo www.kalabriatv.it con le immagini provenienti dagli archivi storici del periodico, con la rivista che ha dato appuntamento al prossimo anno quando si svolgeranno le iniziative di piazza cancellate per il Coronavirus.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *