Cultura

Giardini Naxos e Vibo Valentia unite nel nome del libro, per un percorso comune tra identità, lettura, cultura

Ieri l’incontro ufficiale tra le delegazioni municipali delle due città nell’aula consiliare del centro siciliano

Vibo Valentia inizia da Giardini Naxos a raccontare all’Italia la formula vincente di un successo nazionale che l’ha portata ad essere nominata Capitale Italiana del Libro.

Un primo segno di unione tra la Sicilia e la Calabria e che vedrà nei prossimi mesi un ricco programma di eventi a suggellare l’antico legame che lega le due Regioni.

La delegazione dell’amministrazione comunale di Vibo Valentia guidata dal sindaco Maria Limardo accompagnata dagli assessori Daniela Rotino e Michele Falduto con la consulente Mariangela Preta è stata accolta dal Sindaco di Naxos Giorgio Stracuzzi e dalla direttrice artistica di Naxoslegge Fulvia Toscano, il direttore del Parco archeologico Naxos Taormina Gabriella Tigano.

All’incontro era presente anche l’assessore Regionale Siciliano alla cultura, Alberto Samonà che ha assicurato che presto sarà a Vibo Valentia. Presente anche il Soprintendente dei Beni Archeologici della Calabria, Fabrizio Sudano.

In questa occasione, sono stati ufficializzati per Naxos i “Patti per la lettura” che sono una prima tappa per ottenere il titolo di “Città che legge” secondo un progetto varato dal CEPELL (Centro per la lettura e il Libro del Ministero della Cultura).

Grazie all’incontro tenutosi nell’aula consiliare del Comune – presenti l’assessore alla Cultura, il presidente della Commissione cultura ed il presidente del Coniglio comunale di Giardni Naxos, Vibo Valentia intraprende un percorso comune, proprio con Giardini Naxos, che porta con orgoglio il nome dell’antica colonia greca di Sicilia (Naxos appunto), così come Vibo Valentia porta l’antico nome della colonia magnogreca Hipponion, per mettere al centro una grande azione di rilancio attraverso la cultura del libro: un ennesimo segno di unione tra Sicilia e Calabria, che culminerà nei prossimi mesi nell’iniziativa “Un ponte per la cultura”, in programma nelle nostre due regioni per suggellare un patto nel nome della bellezza, dell’identità e della cultura.

Proprio per questo motivo, una delegazione dell’associazione vibonese Electa, che cura l’organizzazione di ViBooK si è affiancata stringendo un rapporto di collaborazione con Naxoslegge.